La coltivazione delle fragole, in vaso o in terra, è facile, ma per raccolti abbondanti e piante sane è richiesta una concimazione con i giusti nutrienti

Coltivare le fragole è semplice, ma per avere un raccolto di gustosi e abbondanti frutti è importante intervenire con una concimazione adeguata ai fabbisogni, fornendo i nutrienti necessari alle piante, soprattutto nel caso di terreni poveri, se si coltiva nell’orto, o di fragole in vaso.
Le esigenze nutritive di questi piccoli frutti non sono infatti da sottovalutare e le carenze di qualche elemento sono facilmente riscontrabili in decolorazioni fogliari o dei frutti, macchie nere (necrosi), crescita rallentata, scarsi raccolti e frutti con polpa poco appetibile.
L’azoto è fondamentale per la pianta di fragole, lo utilizza per la ripresa vegetativa in primavera (emissione nuove foglie), la fioritura e lo sviluppo di nuovi frutti. È importante che non vi siano carenze nemmeno a fine ciclo, in autunno, poiché è nel periodo che precede i mesi più freddi che le piante di fragola immagazzinano questo importante elemento nelle radici, per poi renderlo prontamente utilizzabile e dare il via alla ripresa vegetativa.
Il fosforo è importante per la fioritura e la formazione e la maturazione dei frutti oltre che per la salute delle radici, il maggior assorbimento nella fragola si ha tra la fioritura e lo sviluppo dei frutti.
L’elemento chiave però, per questa pianta, è il potassio: influisce sulla qualità del raccolto, incidendo su colore, sapore e consistenza della polpa, oltre a rendere la pianta più forte nei confronti degli stress ambientali. La fragola esplica il maggior fabbisogno di potassio durante la fase di maturazione dei frutti.
Altri nutrienti importanti per questi frutti gustosi, che piacciono a grandi e piccini, sono il calcio e il magnesio (utili soprattutto in fase di fioritura e accrescimento delle fragole) e, in misura minore, il ferro, lo zinco e il rame.

coltivare le fragole

Come concimare la fragola

Nella coltivazione della fragola gioca un ruolo determinante una buona dotazione di sostanza organica nel terreno, quindi è consigliabile, prima di mettere a dimora le piantine nell’orto, incorporare nel terreno una buona dose di letame maturo (4-5 kg per metro quadro) o di compost (5-6 kg per metro quadro). Per fragole in vaso, oltre al compost, si può utilizzare dello stallatico pellettato, seguendo le indicazioni in etichetta.
Ogni anno invece, dalla ripresa vegetativa fino all’autunno inoltrato, è opportuno somministrare alle piante un concime adeguato che fornisca tutti i nutrienti necessari allo sviluppo vegetativo e alla fruttificazione di qualità. Maxicrop Aromatiche e Piccoli Frutti, a base di alghe brune, è una soluzione nutritiva completamente di origine naturale che fornisce alle piante tutti nutrienti di cui hanno bisogno: azoto, fosforo e potassio, come pure calcio, magnesio e ferro, naturalmente contenuti nelle alghe, oltre a zinco e rame. Sia per le fragole in vaso che per quelle coltiviate nell’orto, effettuate le diluizioni in acqua suggerite in etichetta, quindi applicate settimanalmente.