La moltiplicazione per talea è una tecnica che trasforma rami e foglie in nuove piantine. Per iniziare? Sanseviera, potos e geranio, ecco come fare

La talea è una parte di pianta, di solito foglie, giovani fusti o rami, che in particolari condizioni riesce a emettere radici dando vita a una nuova pianta. Una tecnica, quelle dalla moltiplicazione per talea, che in alcuni casi, come per il rosmarino, si dimostra più efficace della semina.
Purtroppo non tutte le piante possiedono queste capacità, ma tra quelle che ce la fanno ce ne sono alcune davvero portate, da cui si può iniziare per affinare la tecnica senza rischio di insuccessi (quando sarete bravi potrete cimentarvi con le rose recise).
Ecco allora 3 piante facilissime da riprodurre per talea.

moltiplicazione per talea la sansevieria, potos e geranio

Talea di sansevieria: la foglia tagliata nel terriccio

Durante l’estate, prelevate una foglia di sansevieria tagliandola alla base e dividetela in pezzetti lunghi circa 5 cm con un coltello. Lasciate cicatrizzare i tagli facendo riposare per una settimana le porzioni di foglia su un panno, quindi preparate dei vasi con del normale terriccio e interratevi ogni talea di qualche centimetro. Ricordate di rispettare la direzione di sviluppo del vegetale, ponendo in terra le parti di foglia secondo il loro verso di crescita originale. Non dovrete fare altro che sistemare i vasi in un luogo caldo almeno 20 °C e mantenere il suolo umido per avere in poco tempo delle nuove piante di sansevieria.

Come fare una talea alle piante

Talea di potos: il fusticino in acqua

Durante i primi mesi di primavera potete effettuare la moltiplicazione per talea del potos mettendo a radicare in acqua delle porzioni di fusto.
Tagliate la parte terminale di un fusto per una lunghezza di circa 15-20 cm e asportate da essa tutte le foglie tranne le tre poste all’apice.
Sistematela in un bicchiere d’acqua fino a che non avrà emesso delle radici di buone dimensioni, quindi rinvasatela in un terreno sciolto e fertile e iniziate a gestirla come se fosse una giovane pianta.

3 piante facilissime da riprodurre

Talea di geranio: un rametto in terra mista a sabbia

Il geranio può essere moltiplicato per talea partendo dai rami, tra l’ultimo mese di primavera e il primo d’estate. Prelevate un rametto apicale con almeno tre nodi e asportate tutte le foglie tranne le due poste sulla sommità. Sistematelo all’ombra per una giornata al fine di favorire la cicatrizzazione del taglio, quindi trapiantatelo in un vaso che contenga un composto terroso fatto per due parti di terriccio e per uno di sabbia.
Collocate il contenitore a mezz’ombra per circa una settimana, dopo di che iniziate ad abituare la piantina al sole spostandola poco per volta nella posizione definitiva, in piena luce. Entro un mese la talea di geranio avrà radicato a sufficienza e potrete rinvasarla in un contenitore più capiente e iniziare a gestirla come una pianta vera e propria.

La moltiplicazione per talea

La sansevieria: la pianta dalle foglie carnose

PIANTE & CO.