Vellutata con borragine, ragù al profumo di lavanda, pesto ai petali di rosa: sapevate che i fiori, oltre che troneggiare su giardini e terrazze, possono essere degli ingredienti eccezionali per preparare gustose ricette?
In gergo, i fiori commestibili sono chiamati “eduli” e la calendula è uno di questi.

calendula

Cotta o cruda poco importa, il suo colore giallo-arancio è capace di risvegliare assopiti estri culinari e dare un tocco di colore a qualsiasi pietanza, dall’antipasto al dolce.
Se avete un debole per i gusti particolari e per gli accostamenti cromatici, la calendula si abbina benissimo allo zafferano: il loro sapore è molto simile e le due piante possono dar vita a un burro aromatizzato leggermente sapido, sorprendentemente speciale. Spalmatene un ricciolo su una fetta di pane tostato assieme una spolverata di zucchero, e noterete il geniale risultato.
La calendula sa soddisfare anche gli sfegatati del salato, palati esigenti che la possono apprezzare di più in un insolito risotto, in una frittata con erbe o in un’insalatona creativa, magari condita con una salsa delicata, una vinaigrette di fiori di calendula e aceto.
Se invece foste dei veri “sugar lovers” allora dovreste proprio cimentarvi in questa ricetta semplice e golosa dei muffin alla calendula.

Ingredienti (per 15 dolcetti)

2 cucchiai di petali freschi di calendula, 100 g di zucchero di canna, 100 g di burro, 2 uova, 60 g di farina, 1 cucchiaino di lievito, la scorza grattugiata di 1 limone

Procedimento

Amalgamate in una planetaria lo zucchero, le uova, la farina setacciata, il lievito e il burro ammorbidito. Mescolate per bene il tutto sino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete i due cucchiai di petali di calendula e mescolate ancora. Riempite i pirottini con l’impasto e cuocete in forno a 180°C per circa 30 minuti. Sfornate e guarnite con un po’ di scorza di limone gratuggiata.

calendula

Photo 1 Credits:
Tero Laakso

Photo 2 Credits:
quimby

La calendula e i suoi effetti lenitivi

PIANTE & CO.