Come gestire la pacciamatura in giardino? Una mini guida per realizzarla in modo corretto.

Volete avere un giardino con piante sane e rigogliose anche se fa freddo? La pacciamatura è quello che fa per voi. Grazie a questa pratica non solo le erbacce non saranno più un problema per le aiuole del giardino ma, specie se in abbinamento ad altre accortezze, aiuterà le piante a superare l’inverno senza difficoltà.

Cos’è la pacciamatura e a cosa serve
La pacciamatura è una pratica agronomica che può essere usata sia in giardino che nell’orto. Niente di così complesso o faticoso, pacciamare significa ricoprire il suolo che circonda le piante con un materiale che riesca contemporaneamente a isolare il terreno e a schermare la luce solare.
Quando le temperature si abbassano lo strato pacciamante funge da isolante termico, una sorta di copertina, mantenendo la temperatura del suolo leggermente più alta rispetto all’esterno. In queste condizioni le radici delle piante si troveranno in una situazione più confortevole che le aiuterà a superare il freddo invernale.
La capacità di schermare la luce è più utile nei mesi caldi, quando sarà determinante nel preservare le riserve idriche presenti nel suolo: più ombreggiato sarà il terreno minore sarà l’evaporazione di acqua dagli strati superficiali del terreno.
In caso di piogge frequenti o intense poi, la pacciamatura difende i suoli privi di vegetazione dall’erosione superficiale.

a cosa serve la pacciamatura in giardino

La pacciamatura, come si fa
Per mettere in pratica la pacciamatura potete utilizzare materiali naturali o plastici, anche se in giardino, dove si deve preservare un’estetica piacevole, sono ovviamente da prediligere i primi. La corteccia di pino è la più utilizzata, se volete contraddistinguervi sappiate che in commercio ne esistono anche versioni colorate.
Distribuitene uno strato di circa 5 cm sul terreno dell’aiuola proprio attorno alla base delle piante, considerando che quello che dovete proteggere è il loro apparato radicale. Et voilà, pacciamatura realizzata, facile vero? Ora non vi resterà che mantenere quello strato aggiungendo nuovo materiale mano a mano che si decompone.

I materiali naturali sono i migliori per la pacciamatura del giardino
La corteccia di pino, come la paglia, possiede caratteristiche tali da renderla il miglior materiale da pacciamatura per il giardino: oltre ad essere molto gradevole esteticamente, non inquina, permette all’acqua piovana di raggiungere il suolo con più facilità rispetto ai film plastici e, con il passare del tempo, tende a degradarsi naturalmente.

La pacciamatura in giardino

Credits Photo 2: Serge Melki
Link