Tra le piante più usate in cucina ci sono sicuramente le aromatiche: rosmarino, origano, menta, salvia e timo, solo per citarne qualcuna. Utilizzarle fresche è sicuramente un valore aggiunto per le vostre portate ma certo non si può fare tutto l’anno. Ecco perché è utile coltivarle, raccoglierle nel momento giusto ed essiccarle a regola d’arte affinché il loro potere aromatico si sprigioni in cucina tutto il resto dell’anno. Ecco qualche utile consiglio.
 
Quando raccogliere e come essiccare a regola d’arte
L’essiccazione è un processo che permette di conservare a lungo il sapore delle aromatiche semplicemente eliminando gran parte dell’acqua che contengono. Per avere un ottimo risultato le piante devono essere colte durante il loro “periodo balsamico”, ossia il momento dell’anno in cui la concentrazione degli oli essenziali (i composti che donano il profumo) nelle foglie delle piantine è massima.
La raccolta è bene sia effettuata al mattino, una volta evaporata l’umidità notturna, scegliendo le parti migliori.
Dopo aver lavato e asciugato a dovere il raccolto, lo si fa essiccare per circa dieci giorni prima di utilizzarlo.

Aromatiche, quando raccoglierle e come essiccarle

Rosmarino
Il rosmarino, pianta mediterranea e comunissima in Italia, va colta tra maggio e luglio, poco prima che sviluppi le sue infiorescenze azzurre-violacee.
Tagliate rametti lunghi circa 15 cm e essiccateli in un ambiente areato e al buio; sistemateli su un ripiano rigirandoli di tanto in tanto oppure preparate dei mazzetti da appendere.

Menta
Le foglie e le cimette di menta si raccolgono tra fine giugno e inizio luglio, prima che la pianta fiorisca. Essiccateli sistemando il raccolto all’aperto, in un luogo protetto dai venti e non esposto alla luce diretta del sole.

Origano
Il periodo balsamico dell’origano coincide con la piena fioritura della pianta, che in linea di massima avviene a luglio. Raccogliete i rametti fioriti e preparate dei mazzetti da appendere a testa in giù, lasciateli essiccare in un ambiente ventilato e ombreggiato.

Aromatiche, quando raccoglierle e come essiccarle

Timo
Il timo va raccolto 2 volte all’anno prima che la pianta fiorisca, indicativamente nel mese di maggio e a fine estate. Tagliate le cimette e mettetele a essiccare su un ripiano non alla luce diretta, anche in questo caso ricordatevi di rigirarle frequentemente per un risultato più omogeneo.

Salvia
Raccogliete le foglie e le cimette di salvia a fine primavera, poco prima che la pianta produca fiori. Per evitare che perda il suo aroma, mettete a essiccare la salvia il prima possibile in un ambiente buio e ben ventilato.

Come conservare gli aromi
Conservate i raccolti essiccati in sacchetti di carta (se conservate i rametti) o in contenitori di vetro (se avete defogliato i rametti). Sistemateli in un luogo buio, a debita distanza da fonti di calore, ma non troppo dai fornelli, così da poter usare questi meravigliosi profumi naturali in tutti i vostri piatti.

Aromatiche, quando raccoglierle e come essiccarle

Link immagine 1 qui 
Credits Suzie's Farm

Link immagine 2 qui
Credits Jessica Lucia

Link immagine 3 qui
Credits Kotomi