Fragole fuori suolo, fragole in idroponica, fragole nell’orto: ci sono tanti modi per coltivare queste simpatiche e facili piante. Scopriamo come fare.

Coltivare le fragole non è affatto difficile, richiedono poca cura e ben si prestano a tecniche alternative al classico orto. Perfette per il fuori suolo, le fragole sono l’ideale anche per chi ama sperimentare con la coltivazione idroponica o con fragole rampicanti. Ma partiamo dalle informazioni basilari e andiamo alla scoperta dell’affascinante mondo delle piante di fragole.

tutto quello che serve sapere per coltivare le fragole

Fragole quattro stagioni (rifiorenti) o unifere e fragole rampicanti

Per chi si approccia alla coltivazione della fragola dev’essere innanzitutto chiaro che le piante di fragola (Fragaria x ananassa) non sono tutte uguali e vengono divise in due grandi gruppi a seconda del periodo di fruttificazione, quello delle “fragole rifiorenti” e quello delle “ fragole unifere”. Le prime, dette anche “fragole quattro stagioni”, fioriscono e producono il frutto (che in realtà è un falso frutto) più volte all’anno, dalla primavera all’autunno inoltrato. Le fragole unifere invece fioriscono solamente in primavera e regalano i loro frutti prima dell’estate, tra aprile e maggio.
A volte si sente parlare anche di fragole rampicanti, ma è necessario specificare che in realtà non esistono varietà di fragole con la capacità di aggrapparsi a supporti e di crescere in verticale. Le fragole rampicanti sono dunque semplicemente piante con ramificazioni particolarmente lunghe che, opportunamente governate, possono sembrare vere e proprie rampicanti.

cosa serve sapere per coltivare le fragole

Come coltivare le fragole?

Il metodo più classico per coltivare le fragole è in orto ma, per tutti quelli che non hanno a disposizione una porzione di terreno o per chi semplicemente ama sperimentare, ci sono soluzioni alternative, fuori suolo, che permettono di allevarle in spazi limitati o in indoor.
Coltivare le fragole in vaso è un’ottima scelta per questo tipo di pianta visto che cresce senza difficoltà anche in piccoli volumi di terra. Questa peculiarità ha stimolato l’ingegno e oggi le alternative al semplice vaso sono molte: dai bancali riempiti di terriccio ai supporti in stoffa da appendere dotati di speciali “tasche”.
Chi vuole coltivare la fragola fuori suolo ma non ha spazio all’esterno, può provare con la coltivazione idroponica indoor. Una tecnica agronomica che prevede di posare le piante su un substrato inerte (come ad esempio argilla espansa, lana di roccia, fibra di cocco) e di nutrirle con una soluzione acquosa arricchita di sostanze nutritive. La luce, necessaria per la vita di tutti i vegetali fotosintetizzanti, invece, viene fornita tramite apposite lampade che sostituiscono i raggi solari. E se siete amanti della coltivazione in verticale, sappiate che esistono impianti idroponici a forma di torre pensati appositamente per soddisfare i coltivatori domestici più esigenti.

Fragole quattro stagioni e fragole rampicanti

La cura delle fragole

La coltivazione classica della fragola comincia in genere con il trapianto delle piantine. Quelle di fragola unifera vanno messe a dimora tra giugno e agosto mentre le fragole quattro stagioni si trapiantano da fine marzo a fine luglio.
Amanti del sole e dei terreni ricchi di sostanza organica, le piante di fragola inizieranno a produrre nell’orto l’anno successivo al trapianto.
Nelle zone a clima rigido, le piante dovranno essere difese durante l’inverno tramite tunnel o con pacciamatura di paglia. Chi ha scelto di coltivare le fragole in vaso, invece, può spostare le fragole in un ambiente riparato non appena le temperature scendono, avendo l’accortezza di pacciamare il suolo per difendere il fusticino delle piante dal gelo.
Le fragole vanno seguite per tutto il loro ciclo vitale (una pianta produce per 3 - 5 anni) con irrigazioni frequenti ma non eccessive e con opportune concimazioni. Se si coltiva in terreni poveri, in vaso o in coltura idroponica, la fertilizzazione è essenziale per mantenere in salute le piante e essere sicuri di poter raccogliere fragole perfette. Se coltivate in terra provate un concime naturale per aromatiche e piccoli frutti che vi garantisca piante sane e fragole gustose, come fa Maxicrop per aromatiche e piccoli frutti, il concime organico consentito in agricoltura biologica capace di rinvigorire le piante e aumentare i raccolti. Se invece avete scelto di coltivare le fragole con in idroponica, potete utilizzare un concime per idroponica fatto in casa diluendo in acqua One Essence. I suoi cristalli idrosolubili altamente concentrati vi permetteranno di ottenere una soluzione nutritiva equilibrata ed efficace.
Per saperne di più sulla concimazione della fragola leggete anche il nostro articolo Come coltivare le fragole: la loro concimazione.

coltivare le fragole