Tanti utili consigli per iniziare a coltivare le patate nell’orto: dal periodo migliore al taglio del tubero, dalle varietà alla profondità di semina

Quando seminare le patate e come farlo nel modo corretto sono due classici dubbi che assalgono un novello ortista. D’altronde stiamo parlando dell’ortaggio più comune nei nostri orti e di uno degli ingredienti più amati e utilizzati in cucina.
Ecco allora i consigli su come iniziare la coltivazione delle patate.

Come seminare le patate

Quando seminare la patata: il periodo migliore e la luna giusta

Il miglior periodo per seminare le patate è la primavera, dalla terza settimana di marzo in poi. Le patate si piantano quando la luna è calante, durante una giornata mite e lontana da piogge che potrebbero rendere il terreno eccessivamente umido. Attenzione anche ai ritorni di freddo: la patata ha bisogno di almeno 5 °C per svilupparsi subito dopo la semina e di temperature comprese tra i 10 °C e i 25 °C durante il resto del suo ciclo colturale.

patate, come seminarle

Come seminare le patate nell’orto: terreno, distanza e profondità di semina

La semina delle patate non è una semina vera e propria perché di fatto non si usano semi, ma direttamente i tuberi grazie alla loro capacità di germinazione.
Preparate il suolo vangandolo a una profondità di 30 cm quindi affinate le zolle con una zappa e infine livellate il terreno con un rastrello per favorire la corretta regimazione delle acque e scongiurare pericolosi ristagni idrici.
Seminate le patate in solchi paralleli profondi circa 10 cm e realizzati a circa 65 cm di distanza l’uno dall’altro (distanza tra le file). Potete usare le patate intere o loro parti come spiegato più avanti. Sistemate i tuberi all’interno degli scavi posizionando una patata ogni 30 cm circa (distanza sulla fila).
Terminata la messa a dimora, chiudete i solchi con la terra appena smossa.
Se disponete di un appezzamento esteso, considerate l’idea di non seminare le patate a mano ma di utilizzare appositi trapiantatori da collegare ad una trattrice. Attrezzi meccanici capaci di solcare il terreno e, in contemporanea, di agevolare la messa a dimora dei tuberi. Non è possibile solo seminare le patate a macchina, anche la raccolta può essere automatizzata con l’uso di appositi strumenti capaci riporre sul suolo il raccolto dividendolo dagli scarti. Le macchine di certo non aumentano la resa della vostra coltivazione ma riducono drasticamente gli sforzi fisici, specie quando, come in questo caso, da ogni ettaro di terreno si possono ricavare fino a 400 quintali di raccolto.

Come tagliare le patate per la semina

Le patate si possono seminare intere, se piccole, ma di solito, alcuni giorni prima della semina, vengono tagliate in 2 - 3 parti, in base al posizionamento delle gemme sulla superficie del tubero. La presenza di gemme, anche dette “occhi”, in numero di 3 - 4 per ogni taglio, determina la capacità di dar vita a una pianta. Le patate da semina, o “da seme”, vanno acquistate presso un vivaio o un rivenditore specializzato, questo per avere a disposizione materiale sano e con una buona capacità di germogliamento.

patate, quando seminarle

Quali varietà di patate seminare? Blu, viola o vitelotte le più particolari

Di patate ce ne sono davvero di tutti i tipi, dalle patate a buccia rossa e pasta gialla, come le varietà “Desiree” e “Kuroda”, a quelle con polpa e buccia viola-bluastro, come le patate Vitelotte, le Blue Star o le Violet Queen. Esistono persino patate con polpa e buccia rosa, sono quelle prodotte dalle piante di “Magenta Love” e “Rote Emmalie”, e se volete coltivare delle patate blu riscoperte nel nostro Paese, provate la “patata blu di Margone”, una varietà che negli ultimi anni è stata reintrodotta negli orti trentini.

Resa della semina di patate nell’orto: quante se ne raccolgono?

E una volta seminate, quante patate è possibile raccogliere nell’orto? La resa della semina di patate nell’orto è di circa 4 kg per metro quadrato. Certo, buoni risultati possono essere raggiunti solo se il terreno è sufficientemente fertile e ben dotato di nutrienti, ecco perché è importante utilizzare un concime per l’orto completo e di qualità, come NutriOne Orto il fertilizzante granulare di origine naturale, studiato appositamente per rispondere alle esigenze di ortaggi e frutta.
Chi ama la coltivazione naturale può invece affidarsi a un concime biologico come Maxicrop granulare Orto e frutti, a base di estratto d’alga nutre il terreno in modo equilibrato e migliora qualità e sapore di frutta e ortaggi.

quando seminare le patate

Le patate: attenzione alle loro tossine!

PIANTE & CO.