La fioritura delle orchidee è davvero elegante. Ecco i trucchi per rifiorire l’orchidea e garantire il benessere della più bella pianta d’appartamento

L’orchidea è una pianta d’appartamento apprezzata per l’eleganza che i suoi fiori conferiscono agli ambienti. La fioritura dell’orchidea è così raffinata che vorremmo fosse sempre presente. Tutti, almeno una volta, ci siamo fatti le stesse domande: "Perché la mia Orchidea non rifiorisce?” o “Come tenere l’orchidea?” o ancora “Come non far morire l’orchidea?”

Che sia possibile far rifiorire l’orchidea è certo, le Phalenopsis, le Paphiopedilum e le Cymbidium sono solo alcune delle orchidee esistenti, ma ciò che le accomuna è la loro predisposizione a rifiorire. Ecco allora cosa fare per garantire il loro benessere e stimolarne la fioritura.

Far rifiorire l’orchidea

Come far rifiorire l’orchidea Phalaenopsis

Le Phalaenopsis sono le orchidee più comuni, solitamente la loro fioritura avviene nel periodo invernale, quando piccoli steli posti nella parte terminale del fusto emettono i magnifici fiori colorati.
Per incentivare l’orchidea a rifiorire, tagliate il fusto sopra l’ultimo nodo non appena i fiori iniziano ad appassire. Dopo questa operazione, apportate un concime specifico capace di stimolare una nuova fioritura. Se la pianta potrà godere di temperature notturne inferiori ai 13 °C, vedrete che potrete ammirare ancora una volta i magnifici fiori della vostra orchidea.

scopri i trucchi per coltivare le orchidee

Come far rifiorire l’orchidea Paphiopedilum

Le Paphiopedilum, più comunemente conosciute come “pantofola di Venere” o “orchidea scarpetta” per la forma a sacca del loro labello, sono un genere di orchidee terricole che può essere suddiviso in due macrogruppi, le specie botaniche esistenti in natura e gli ibridi.
Solamente le Paphiopedilum ibride riusciranno a regalarvi due fioriture all’anno, vediamo come fare. Come prima cosa, questo particolare gruppo di piante ha bisogno di temperature elevate per tutto l’anno per rifiorire; di giorno dovrete assicurare loro circa 22 °C - 23 °C mentre di notte basteranno 19 °C. Per avere fioriture abbondanti e continue, le Paphiopedilum vanno concimate nel periodo autunnale con un prodotto specifico ideato per stimolare le fioriture.

Come far rifiorire l'orchidea

Come far rifiorire l’orchidea Cymbidium

Le orchidee Cymbidium garantiscono più fioriture all’anno senza molti sforzi. Ricordate che amano moltissimo la luce ma come tutte le orchidee non vanno posizionate a quella diretta.
Le orchidee Cymbidium hanno bisogno anche di un’aria abbastanza umida, il trucco è quello di usare un sottovaso, sotto il vaso, riempito con dell’argilla espansa da mantenere bagnato. L’acqua non toccherà le radici e, evaporando poco per volta, creerà un microclima umido davvero benefico.
La temperatura ideale per questo genere di orchidee si attesta intorno ai 16 °C ma, per favorire una seconda fioritura, in autunno si consiglia di sistemare le piante in ambienti con temperature di circa 10 °C e diminuire drasticamente le annaffiature.
Per incentivare le orchidee Cymbidium a rifiorire, apportate un concime specifico per la fioritura delle orchidee nei primi giorni di primavera e a inizio autunno; solo così potrete godere dei loro fantastici fiori per più volte all’anno.

orchidee, scopri i trucchi per avere nuove meravigliose fioriture

Orchidee, dove tenerle?

Al di là della tipologia, per il benessere dell’orchidea la giusta posizione significa davvero molto. Se potesse scegliere lei opterebbe per ambienti che le ricordano il più possibile le sue origini tropicali, ma non temete, in realtà non sono poi così esigenti.
Se potete, collocate il vaso con la vostra orchidea in una stanza che garantisca un buon grado di umidità, come può essere la cucina o il bagno, in ogni caso mantenetela a debita distanza sia da fonti di calore dirette che da correnti d’aria.
Le orchidee hanno bisogno di luce ma attenzione, non dev’essere diretta, quindi non cedete alla tentazione di sistemarla in pieno sole. L’ideale è il davanzale di una finestra posta a nord, altre esposizioni sono ammesse solo se ci sono delle tende che la possano proteggere.

orchidee, scopri i trucchi per avere nuove meravigliose fioriture

Come annaffiare le orchidee in vaso?

Le orchidee amano l’umidità ma sono estremamente sensibili ai ristagni idrici, molto più delle comuni piante d’appartamento.
Prima di dar loro da bere, controllate che il substrato sia asciutto, solo allora potrete bagnarle immergendo i vasi in un contenitore con dell’acqua fino a quando la composta non sarà inumidita (5-10 minuti sono sufficienti). Lasciate sgocciolare i vasi delle orchidee prima di riporle nella loro posizione originaria.
In alternativa si può procedere bagnando l’intera pianta con l’aiuto di uno spruzzino.

trucchi per coltivare e avere nuove meravigliose fioriture dalle orchidee

L'orchidea: il fiore "simile a una farfalla"

PIANTE & CO.