Ortaggi invernali? Scopri quali ortaggi coltivare, nell’orto o in vaso, da dicembre a marzo, e quali verdure invernali seminare in serra

Scopriamo quali sono gli ortaggi invernali, quelli che nell’orto ci sono già, perché perenni o messi a dimora in estate o in autunno, e quelli perfetti per le semine invernali o i trapianti invernali. Perché coltivare in inverno è possibile, non solo in serra, anche nell’orto, oppure in vaso sul balcone.

Ortaggi invernali: seminati in estate o in autunno richiedono solo un po’ di cure
Sono gli ortaggi che si trovano già nell’orto a dicembre, all’inizio dell’inverno, perché seminati o trapiantati quando le temperature erano più consone alla germinazione dei semi o alle prime e più delicate fasi di vita delle piante. È il caso di molti cavoli, dei radicchi, in particolar modo quelli tardivi, del porro e del sedano rapa; al Sud Italia, dove l’inverno è meno rigido, non è raro trovare anche fave, piselli, finocchi e bietole da costa.
Nell’orto d’inverno si trovano ovviamente anche gli ortaggi perenni come gli asparagi e i carciofi.
Durante l’inverno questi ortaggi richiedono poche cure colturali, per lo più volte a proteggerli dal freddo, e in alcuni casi consentono la raccolta.
 
Ortaggi per l'inverno: cosa seminare o trapiantare?
Quali ortaggi si possono seminare o mettere a dimora durante l’inverno? La risposta dipende dal tipo di inverno. Purtroppo le zone a clima rigido consentono di iniziare a coltivare pochi ortaggi: aglio e scalogno sono l’ideale, capaci di resistere anche se la colonnina di mercurio si abbassa di molto. Verso la fine dell’inverno, quando il rischio di gelate tardive (di solito interessano i mesi di gennaio e febbraio) è scongiurato, è invece possibile seminare fave e piselli e mettere a dimora l’asparago.
Le aree con inverni miti sono più generose e offrono la possibilità di ampliare il numero di ortaggi invernali da coltivare tra dicembre e marzo, oltre ad aglio e scalogno, si possono osare carote, spinaci e finocchio.
Tutt’altro discorso se si ha la possibilità di utilizzare un ambiente protetto, come una serra, un tunnel o semplicemente un semenzaio. Anche se non riscaldati garantiscono temperature superiori all’esterno; pochi gradi, ma sufficienti a far germinare e sviluppare sedano, cicoria, rucola, lattuga da taglio, cipolla valerianella, prezzemolo, ravanello, cavolo cappuccio e basilico.
 
Ortaggi invernali in vaso, quali coltivare?
Quasi tutti gli ortaggi invernali possono essere coltivati anche in vaso. Fanno eccezione le piante perenni, ovvero gli asparagi e i carciofi, che per ragioni di spazio non si adattano alla coltivazione in vaso, e le carote, in particolare le varietà lunghe, che necessitano di terreni profondi.
Il vaso è un ambiente più freddo rispetto all’orto, ma è possibile renderlo confortevole con pochi accorgimenti (scoprili leggendo il nostro articolo Come proteggere le piante e i fiori dal freddo) che, messi in atto, consentono di seminare e trapiantare le stesse piante suggerite per l’orto, in base alle caratteristiche climatiche della zona di appartenenza.
E per tutte le esigenze nutritive degli ortaggi scopri il concime naturale per orto Maxicrop granulare orto e frutta; a base di estratto d’alga, rende le piante naturalmente più resistenti agli stress termici tipici della stagione fredda.

come coltivare nell'orto ortaggi invernali